5.1.09

E così si è concluso il 2008. Tutti a dire anno bisesto anno funesto, ma a me a dirla tutta non è parso così brutto. Sarà che cambiar lavoro e sottrarmi alla dinamiche malate del vecchio ufficio mi ha fatto tirare un grosso sospiro di sollievo, sarà la presenza pelosa e dispettosa che è venuta ad animare la nostra casa. Il 2008 nel complesso è stato un buon anno.
Il 2009 invece è iniziato maluccio. Le ferie troppo brevi per tutte le energie che dovevo recuperare, il classico viaggio di inizio anno che non è stato fatto a causa di problemi logistici (e non per colpa della crisi), una semi-influenza che mi ha precluso anche quelle gitarelle di svago che mi ero ripromessa di fare per riposare anche la testa oltre il fisico.
Per consolarmi sono andata al cinema (un bel musical Mamma mia per iniziare l'anno senza pensieri), ho approfittato dell'inizio dei saldi (un paio di scarpe, una giacca in lana cotta ed un maglioncino nero da skinhead) e sono andata a vedere la mostra di Magritte (bella, ma con riserva).
Ora medito di darmi alla macrobiotica e come sempre di perdere i chili di troppo.

3 commenti:

Baol ha detto...

Io la mostra mi riservo di andarla a vedere...

C'è neve da te? :)

Ginevra ha detto...

eh sì! coperti di neve!

nonsisamai ha detto...

siamo d'accordo di sicuro sul buon proposito finale... ;)