28.11.08

Speravo che questa atmosfera natalizia di tetti imbiancati mitigasse gli animi. Che la scomparsa del grigiore cementizio della perfiferia infondesse calma zen a tutti. Che quantomeno la gente si facesse prendere dal panico e decidesse di rimanere a casa.
Invece a quanto pare sono tutti qui, hanni i coglioni girati e rompono le balle.
Datemi un lanciafiamme!

24.11.08

Nel finesettimana ho avuto la conferma che il Marito mi ama moltissimo.
Sabato pomeriggio, negozio strumenti musicali: io e il Marito guardiamo le chitarre.
Il Marito mi indica quelle che gli piacciono di più e che vorrebbe fare sue. Io seguo il suo dito e ascolto ciò che dice. Ad un certo punto ci soffermiamo sulla Epiphone Dot, io guardo la chitarra, guardo il Marito, guardo la chitarra, riguardo il Marito:
"Ma perché c'è il simbolo dell'euro sulla chitarra?".
Il Marito ha un crollo, si riprende e mi spiega come fossi una bambina di 5 anni che no, quello non è il simbolo dell'euro è il simbolo della Epiphone.
E' indubbio che quando faccio queste domande non ho il Rock.
Sabato notte, camera da letto: io e il Marito siamo avvoltolati nel piumino pronti a dormire, la Bibe invece decide che è ora di impazzare, salta e corre dappertutto e si fionda a mangiare il filo del faretto dal lato del letto del Marito. Lui, con la costola dolorante, mi domanda di verificare che il gatto non si fulmini così non deve muoversi. Io mi alzo, accendo la luce, richiamo la Bibe all'ordine, poi mi sporgo sopra al Marito e inavvertitamente gli pianto una gomitata nelle costole.
Stranamente non ho ancora ricevuto le carte per il Divorzio.

20.11.08

Quando tuo padre ti chiama preoccupato di non avere tue notizie, visto che ultimamente non stai aggiornando il blog, è forse giunto il momento di porsi delle domande.
Giustamente però perchè fare oggi ciò che può essere tranquillamente rimandato a domani, quindi tralascio quesiti esistenziali e notizie di cronaca per un post a punti con il riassunto delle puntate precedenti.

1) sono stata fare fotografie al cimitero Monumentale di Milano.
Era una bella giornata di sole, il cimitero è tenuto benissimo ed anche per i non amanti del genere può essere interesante andare a farci quattro passi. La tomba di Manzoni è imponente ed anonima, ma andando in giro ci sono un sacco di belle statue. Per quel che mi riguarda ho sbagliato le impostazioni della macchina fotografica bruciando parte delle foto La massima di vita che ne ho ricavato è: mai tenere 800 ISO e tentare di fotografare una statua di marmo bianco investita dal sole a mezzogiorno.
2) sono stata a vedere la mostra sui neoimpressionisti a Palazzo Reale. C'è chi sostiene che organizzare mostre di pittori impressionisti è troppo facile, che sono mostre fatte per piacere. Io e mia mamma concordi ci siamo chieste che male ci fosse in tutto ciò. La mostra ci è piaciuta ed abbiamo anche apprezzato il taglio didattico dell'allestimento, abbiamo gradito un po' meno la presenza di una scolaresca che transumava pressocchè in contemporanea con noi nelle varie sale pestandoci gli alluci.
3) sono stata in montagna e infatti il giorno stesso in Indonesia c'è stato un allarme tsunami. La salita al Rifugio Bogani mi ha spompato all'inverosimile, ma la neve ed il paesaggio mi hanno ripagato degli sforzi. Anche i pizzoccheri in realtà.
4)nel mezzo ci sono i giorni tutti uguali in cui arrivo in ufficio alle 8.30 ed esco alle 18 quando sono fortunata. Il lavoro nuovo mi piace e sono stranamente zen e perciò immune a tutte le schermaglie interne. Del resto, come mi piace ripetere di questi giorni, se fossero riusciti a tirarmi fuori di senno dopo soli 5 mesi, ci sarebbe di che preoccuparsi.

14.11.08

6.11.08

Questo comunque è il link più bello:
TheObamaFacts.
Alcune che mi hanno fatto veramente ridere:
- Barack Obama challenged Chuck Norris to a debate on karate. Chuck Norris declined.
- Bernoulli's principle is not needed when Barack Obama flies in an airplane.
L'oscar comunque va a:
When Barack Obama is elected, Jack Bauer will finally be able to sleep.

5.11.08

Sono troppo intrinsecamente pessimista per pensare che "adesso è fatta e tutto cambierà", ma già il fatto che ci sia un nero alla casa Bianca è la dimostrazione che i tempi cambiano e che nonostante tutto ci sono margini di miglioramento. Forse un giorno anche in Italia ci sarà un clima politico per cui nessuno si permetterà più di criticare il look troppo gotico dei giornalisti, ma si discuterà veramente dei problemi del paese.
Nel frattempo mi diletto nella rassegna stampa sui giornali stranieri e vado alla ricerca dei discorsi dei due candidati.
Mi scuso per la piattezza, ma il neurone, nonostante non abbia seguito la diretta televisiva, è comunque annebbiato.

Discorso Obama trascritto
Discorso Obama video
Discorso McCain video
Discorso Mccain trascrizione