26.6.09

Sebbene alle medie fossi, con grande costernazione di mio padre che mi faceva ascoltare massicce dosi di Pink Floyd sperando in un mio rinsavimento, una fan di M.J. e mi aggirassi per casa cantando "I'm bad I'm bad you know it", sebbene per certi versi mi facesse pena per le sue ossessioni e per come si era ridotto, passato il primo momento di sgomento adesso questa storia della morte di Micheal Jackson mi ha fracassato le palle. Speravo che i giornali stranieri si trattenessero maggiormente nell'osannarlo, ma dopo un rapido giro online mi sono dovuta ricredere.

4 commenti:

Valentina ha detto...

secondo me é stato troppo un'icona del POP perché non ne parlassero su tutti i giornali - 100 milioni di dischi non li vendono in tanti. Io che non sono mai stata una "fan" ci sono rimasta male...

Ginevra ha detto...

boh non so a me dispiace più per Sara Fawcett (o come cavolo si scrive) o mi è dispiaciuto di più per David Carradine (anche se si è impiccato facendo un gioco erotico e ci ha fatto la figura del pirla)... comunque hai ragione con tutti i dischi che ha venduto e con quanto ha fatto parlare di sè era inevitabile

Baol ha detto...

Boh, sono abbastanza fuori dal mondo per non essere massacrato dall'esaltazione (non sto qui a sindacare se giusto o meno) di MJ.
Ci sono un bel po' di popstar che gli devono qualcosa, questo è sicuro...solo che negli ultimi anni non aveva retto al peso di se stesso

Valentina ha detto...

Naturalmente 100 milioni del solo Thriller - in totale 750 milioni di dischi. Secondo me in tanti hanno vissuto alle sue spalle, ed in tanti l'hanno mandato in malora, approfittandosi di lui e della sua ingenuità....a me faceva pena; continua la schiera dei VIP's multi miliardari che muoiono soli e depressi - cosa che a me non credo succcederà mai (di essere miliardaria, of course).